In arrivo le etichette sulla privacy per le app di Google su iOS, Facebook?

Apple, dopo aver introdotto le etichette per la privacy nell’Apple Store con la nuova versione di iOS 14.3 lo scorso 8 dicembre, ancora oggi vediamo come molte (o quasi tutte) applicazioni del colosso californiano non abbiano introdotto le informazioni relative sui dati delle singole applicazioni.

Informazioni sulla privacy nell’App Store

A partire da dicembre 2020, in tutte le descrizioni delle app sull’App Store c’è una nuova sezione dove gli sviluppatori spiegano, in modo semplice e chiaro, come affrontano la questione della privacy. Qui trovi informazioni importanti su come raccoglieranno e utilizzeranno dati come la tua posizione, la tua cronologia web e i tuoi contatti. Questa iniziativa testimonia il nostro impegno costante per darti sempre più trasparenza e controllo sui tuoi dati. Apple continuerà ad aggiornare questa funzione e a collaborare con gli sviluppatori per assicurarsi che gli utenti possano compiere le loro scelte con la maggiore consapevolezza possibile.

Al momento, Google (rispetto al Play Store) sta dando un cattivo esempio, poichè al momento l’azienda non ha aggiunto nessuna etichetta della privacy nelle proprie applicazioni. Nel frattempo, il colosso promette di aggiornare le applicazioni nell’arco dei prossimi mesi.

Etichetta privacy per Signal – iMessage – WhatsApp – Facebook Messenger

Come potete vedere dall’immagine in alto, Facebook Messenger è l’applicazione che raccoglie un’infinità di dati degli utenti rispetto alle applicazioni di messaggistica iMessage e WhatsApp, mentre Signal memorizza solamente il numero di telefono.

Signal

L’unico dato personale che memorizza è il tuo numero di telefono

iMessage
  • Indirizzo email
  • Numero di telefono
  • Cronologia delle ricerche
  • ID dispositivo
Whatsapp
  • ID dispositivo
  • ID utente
  • Dati pubblicitari
  • Cronologia acquisti
  • Posizione grossolana
  • Numero di telefono
  • Indirizzo email
  • Contatti
  • Interazione con il prodotto
  • Dati di arresto anomalo
  • Dati sulle prestazioni
  • Altri dati diagnostici
  • Informazioni di pagamento
  • Assistenza clienti
  • Interazione con il prodotto
  • Altro contenuto utente

… Facebook Messenger chiede praticamente tutto!

In futuro ci saranno cambiamenti per tutte le applicazioni disponibili su App Store?