Google rinnova alcune icone delle applicazioni con Google Workspace

Ancora una volta, il colosso di Mountain View cambia nome a una delle piattaforme più diffuse in ambito professionale, sto parlando di G Suite, dove ben presto si chiamerà Google Workspace, offrendo nuovi servizi, icone e molte funzionalità importanti.

Oltre all’aggiunta di un nuovo nome, grafica, nuove icone e diverse funzionalità, sarà possibile far interagire meglio diversi servizi, offrendo diversi piani a pagamento chiamato “Business Plus” per una corretta gestione dei dispositivi aziendali.

Il capo di Google Workspace, Javier Soltero afferma che la nuova piattaforma sarà idonea alle linee guida lavorativa nel 2020, perchè è diventata molto importante per numerosi lavoratori che adoperano in smart working.

Tra i servizi più importanti, troviamo alcuni più usati come:

  • in Gmail troveremo la solita e classica lettera “M”, ma verranno utilizzati i quattro colori del brand, come anche per le altre applicazioni
  • in Google Chat sarà possibile creare un documento per tutti coloro che partecipano alla conversazione senza aprire una nuova scheda.
  • in Google Docs sarà possibile iniziare una videochiamata, naturalmente per gli utenti che stanno lavorando al documento e che vogliono collaborare
  • Anteprime in tempo reale degli altri documenti

Nella nuova piattaforma di Google Workspace, troviamo tre sviluppi principali:

  • Una nuova esperienza utente profondamente integrata che aiuta i team a collaborare in modo più efficace, i lavoratori in prima linea a rimanere connessi e le aziende a potenziare le nuove esperienze digitali dei clienti
  • Una nuova identità di marca che riflette la nostra visione ambiziosa del prodotto e il modo in cui i nostri prodotti lavorano insieme
  • Nuovi modi per iniziare con soluzioni su misura per le esigenze specifiche della nostra vasta gamma di clienti

Il nuovo look delle icone arriverà a breve sulla piattaforma di Google Workspace, dove probabilmente le vedremo anche sui dispositivi mobile nell’arco dei prossimi mesi o settimane.

Fonte