Instagram: in arrivo il documento d’identificazione per i profili falsi

Instagram, il popolare Social Media sta per introdurre una feature molto importante, ovvero la possibilità di identificazione dei profili falsi e dei bot che girano da anni sull’applicazione disponibile per Android, iOS e Web.

Dopo aver testato la funzione Reels, una sezione identica a quella Tik Tok, il social lancia una nuova battaglia contro bot e account fake in modo da migliorare la sicurezza dell’utente. Pur essendo decine di milioni di profili sempre nuovi ogni giorno, finalmente Instagram introdurrà questa nuova gestione di sicurezza, ma mantenere il social sempre al sicuro.

We will look at a range of signals to determine if an account holder needs to confirm their information. We want to be clear that this change will apply only to a small number of our community. Most people will not be affected. This includes accounts potentially engaged in coordinated inauthentic behavior, or when we see the majority of someone’s followers are in a different country to their location, or if we find signs of automation, such as bot accounts for example. If we see signs of potential inauthentic activity, we will require the account holder to confirm who they are, and once an account holder verifies their information, their account will function as usual unless we have reason to investigate further. IDs will be stored securely and deleted within 30 days once our review is completed, and won’t be shared on the person’s profile as pseudonymity is still an important part of Instagram.

Innanzitutto, verrà richiesto di munirsi di una carta di identità oppure un altro documento che sia ufficiale. Per chi non dovesse rispondere a tale documentazione contro i “Profili Fake”, Instragram procederà a limitare la diffusione dei contenuti oppure disabiliterà l’account in maniera permanente.

Sul blog ufficiale è stato annunciato:

Vogliamo che i contenuti che vedete su Instagram siano autentici e siano pubblicati da persone reali, non bot o profili che tentano di ingannarvi. Da oggi, dunque, inizieremo a chiedere alle persone di confermare chi c’è dietro un account quando scoviamo uno schema di comportamento non autentico. Così potremo capire quando gli account stanno tentando di ingannare i propri follower e mantenere al sicuro la community”.

Inoltre, saranno accettati anche altri tipi di documenti per chi possiede un account di coppia, che contenga nome, cognome, foto ed età, tessera della biblioteca, pagella scolastica, carta di credito, abbonamenti a riviste o carte fedeltà aziendali.

Fonte